Il carciofo è un vegetale ricco di proprietà interessanti per la nostra salute. Non è solo buono da gustare a tavola, ma i suoi estratti hanno effetti benefici importanti, infatti il carciofo viene utilizzato per il fegato, per favorire la digestione e in generale per depurare l’organismo.

Un alimento nutriente

Il carciofo, il cui nome botanico è Cynara Scolymus, è facile da trovare tra novembre ed aprile tra i banchi della verdura. Quello che noi solitamente mangiamo sono i petali più interni del fiore ma la pianta può arrivare anche a 1,5 metri di altezza.
L’Italia, e in particolare la Sardegna, è tra i maggiori produttori di questa verdura che è perfetta da aggiungere alla propria dieta durante l’inverno e il cambio di stagione in quanto apporta numerosi nutrienti come Sali minerali, fibre (tra cui l’inulina) che aiutano a migliorare il transito intestinale, vitamine (A, B1, B2 e C), tannini e antiossidanti.
Inoltre se consumato crudo apporta una buona dose di Ferro, utile per chi ha maggior necessità di integrare questo minerale.

Le proprietà del Carciofo per il fegato e per l’organismo

Ma le parti più interessanti della pianta del carciofo sono quelle non edibili, le foglie e le inflorescenze, che hanno proprietà apprezzabili per la loro azione sul nostro organismo. È proprio da queste parti che si ricavano gli estratti che vengono utilizzati negli integratori alimentari.
Nell’estratto si trovano flavonoidi come la luteolina, sesquiterpeni, l’acido idrossicinnamico e la cinarina (responsabile del sapore amaro).
Tutte queste sostanze sono importanti per il nostro benessere e lavorano in sinergia tra loro, rendendo il carciofo prezioso per la nostra salute

→ Perché assumere un estratto di Carciofo?

Le sue proprietà sono davvero molteplici, ma in particolare:

  • Supporta il fegato, organo molto importante perché deputato all’eliminazione delle sostanze tossiche e di scarto dei processi metabolici dell’organismo, alla produzione di bile e coinvolto in meccanismi di secrezione ormonale. Essendo incaricato di svolgere molteplici e importanti funzioni è bene mantenere il fegato sempre pulito e supportare la sua funzionalità, compito per il quale il carciofo risulta particolarmente utile.
  • Favorisce i processi digestivi. Non è un caso che il carciofo fosse conosciuto dagli antichi romani come Cynara, da cui deriva il nome del famoso liquore digestivo. È il suo carattere amaro a renderlo un ottimo alleato per la digestione.
  • Favorisce la depurazione dell’organismo, favorendo l’eliminazione di scorie e tossine che si accumulano nel nostro organismo.

→ A chi serve assumere un estratto di Carciofo?

Grazie alle sue azioni sinergiche volte al supporto della funzionalità epatica e dell’azione depurativa, l’estratto di carciofo risulta di aiuto in diverse situazioni, ad esempio:

  • Durante il cambio stagione per favorire l’eliminazione di tutte le scorie accumulate, di cui l’organismo si ritrova sovraccarico, che possono causare stanchezza e malessere, in modo da ripartire con più energie
  • In caso di sovrappeso e alimentazione sregolata, come dopo le feste. Il fegato infatti è adibito alla produzione di bile, è coinvolto nella digestione e nell’assorbimento dei grassi ed è un organo centrale nel metabolismo dei carboidrati, per questo motivo, in caso di alimentazione sregolata, risulta appesantito e può essere rallentato nelle sue funzioni. Come conseguenza di questa situazione si possono osservare problemi digestivi, brufoli inaspettati, pancia gonfia e aumento di peso
  • Se si assumono frequentemente alcolici.
  • Per tutti, almeno 1 o 2 cicli l’anno. Depurare l’organismo e supportare il fegato è utile per la nostra salute e favorisce l’eliminazione di molteplici piccoli disturbi.

 

A cura di Laura Melzi